Ponteggi

Il ponteggio è una struttura reticolare metallica provvista solitamente di impalcati. I ponteggi vengono solitamente realizzati per la costruzione o ristrutturazione di edifici. In questo caso vengono considerati dispositivi di protezione collettiva contro le cadute dall’alto.

Un ponteggio metallico fisso deve rispettare le indicazioni di montaggio del fabbricante contenute nel libretto di autorizzazione ministeriale all’impiego.

A seconda delle esigenza di cantiere si devono utilizzare gli schemi di montaggio previsti nel libretto, se non previsti perché in presenza di casi particolari, è necessario far redigere un progetto specifico a un tecnico abilitato.

Ogni piano del ponteggio deve essere provvisto di intavolato completo e di parapetto normale e corredato da sottoponte di sicurezza per ogni piano di servizio.

Il montaggio e lo smontaggio in sicurezza dei ponteggi deve essere effettuato utilizzando un idoneo dispositivo di protezione individuale contro le cadute, e gli addetti dovranno obbligatoriamente aver effettuato dei corsi di formazione a carattere teorico-pratico che li abilita a tale attività. Le fasi di montaggio e smontaggio devono essere svolte sotto la direzione e il controllo di un preposto che sovrintende sulle corrette procedure di esecuzione dei lavori secondo quanto indicato nel Piano di Montaggio Uso e Smontaggio (Pi.M.U.S.) messo a disposizione dal datore di lavoro.

Il D.Lgs 81/2008 all’articolo 134, dispone l’obbligo di redazione del Piano di Montaggio Uso e Smontaggio (Pi.M.U.S.) ogni qual volta vengano utilizzati ponteggi.

Preventivo Gratuito
Richiedi un preventivo gratuito



Mossali e la Rimozione dell’Amianto

L’inalazione delle fibre liberate nell’aria comporta un grave rischio per la salute. Tuttavia se il materiale è compatto, ovvero non è danneggiato ed è privo di abrasioni, i rischi sono minori. Se invece è friabile, ossia può essere facilmente sbriciolato o ridotto in polvere con la semplice pressione manuale, esiste il pericolo di inalarne le fibre di amianto e di conseguenza può risultare nocivo per la salute. L’esposizione prolungata è talvolta responsabile di patologie gravi ed irreversibili prevalentemente dell’apparato respiratorio.

Il Piano Regionale Amianto Lombardia (PRAL), approvato con la delibera 8/1526 del 22 dicembre 2005, si è posto una serie di obiettivi strategici, al fine di definire l’entità del rischio da amianto friabile e compatto. Tali obiettivi sono il completamento del censimento e la mappatura dei siti con presenza di amianto, sviluppare programmi di maggiore tutela sanitaria e fissare il termine del 2015 per effettuare la rimozione ed il conferimento in discarica di tutto l’amianto/eternit dal territorio regionale.

L’impresa Gruppo Mossali srl, leader nella rimozione amianto in provincia di Brescia e limitrofe, è iscritta con n. MI03621 all’Albo Nazionale Gestori Ambientali nella categorie classi 5-F (raccolta e trasporto di rifiuti pericolosi – quantità annua complessivamente trattata inferiore a 3.000 t) e 10A (attività di bonifica dei beni contenenti amianto effettuata sui materiali edili contenenti amianto legato in matrici cementizie o resinoidi). Tali iscrizioni autorizzano al trattamento/lavorazione, rimozione e trasporto con mezzi propri alle discariche autorizzate dei rifiuti pericolosi e non pericolosi per lo smaltimento definitivo. È strutturata con personale tecnico/operativo competente ed idoneità tecnica delle attrezzature in dotazione, per potersi occupare dal prelievo di campionature per l’analisi presso laboratori autorizzati, alla stesura del piano di lavoro da presentare agli enti competenti (ASL), fino allo smaltimento completo. Alla fine delle operazioni sarà rilasciata al committente tutta la documentazione comprovante il regolare smaltimento a norma di legge.