Rimozione amianto

Rimozione amianto

Un potenziale pericolo per la salute del cittadino è costituito dalla presenza di materiali contenenti amianto/Eternit ed altre fibre minerali negli edifici, manufatti e coperture. A partire dagli anni ottanta l'attenzione si è accentuata sulle esposizioni e sulla possibilità di considerare l'amianto un contaminante ambientale.

Sulla base di queste considerazioni, oltre alla Legge 257/92, che vieta nel nostro paese l’estrazione, l’importazione, l’esportazione, la commercializzazione e la produzione di amianto, sono stati emanati alcuni decreti e circolari applicative ( vedi Ministero della Salute) con l'obiettivo di gestire il problema derivato dall’amianto.

L'amianto/Eternit è composto da un insieme di minerali fibrosi e non combustibili, i cui componenti sono il silicato di calcio e di magnesio. Esso è stato largamente impiegato nel passato in alcuni settori quali l'edilizia e l'industria fino agli anni ’90 dove la normativa ne ha disposto la completa dismissione.

L'inalazione delle fibre liberate nell'aria comporta un grave rischio per la salute. Tuttavia se il materiale è compatto, ovvero non è danneggiato ed è privo di abrasioni, i rischi sono minori. Se invece è friabile, ossia può essere facilmente sbriciolato o ridotto in polvere con la semplice pressione manuale, esiste il pericolo di inalarne le fibre di amianto e di conseguenza può risultare nocivo per la salute. L'esposizione prolungata è talvolta responsabile di patologie gravi ed irreversibili prevalentemente dell'apparato respiratorio.

Il Piano Regionale Amianto Lombardia (PRAL), approvato con la delibera 8/1526 del 22 dicembre 2005, si è posto una serie di obiettivi strategici, al fine di definire l’entità del rischio da amianto friabile e compatto. Tali obiettivi sono il completamento del censimento e la mappatura dei siti con presenza di amianto, sviluppare programmi di maggiore tutela sanitaria e fissare il termine del 2015 per effettuare la rimozione ed il conferimento in discarica di tutto l’amianto/eternit dal territorio regionale.

L’impresa Gruppo Mossali srl, leader nella rimozione amianto in provincia di Brescia e limitrofe, è iscritta con n. MI03621 all’Albo Nazionale Gestori Ambientali nella categorie classi 5-F (raccolta e trasporto di rifiuti pericolosi – quantità annua complessivamente trattata inferiore a 3.000 t) e 10A (attività di bonifica dei beni contenenti amianto effettuata sui materiali edili contenenti amianto legato in matrici cementizie o resinoidi). Tali iscrizioni autorizzano al trattamento/lavorazione, rimozione e trasporto con mezzi propri alle discariche autorizzate dei rifiuti pericolosi e non pericolosi per lo smaltimento definitivo. È strutturata con personale tecnico/operativo competente ed idoneità tecnica delle attrezzature in dotazione, per potersi occupare dal prelievo di campionature per l’analisi presso laboratori autorizzati, alla stesura del piano di lavoro da presentare agli enti competenti (ASL), fino allo smaltimento completo. Alla fine delle operazioni sarà rilasciata al committente tutta la documentazione comprovante il regolare smaltimento a norma di legge.

 

Contattaci per un preventivo gratuito